DECIDERE

Da diversi punti di vista, due uomini guardano lo stesso paesaggio. Tuttavia non vedono la stessa cosa. La diversa situazione fa si ceh il paesaggio si organizzi di fronte a entrambi in modo diverso. Ciò che per uno occupa il primo piano, e mostra con vigore tutti i suoi dettagli, per l'altro si trova nell'ultimo e risulta oscuro e confuso. Inoltre, dato che le cose, poste le une dietro le altre, si occultano in tutto o in parte, ciascuno dei due percepirà porzioni del paesaggio che non arriva all'altro. Avrebbe senso che l'uno dichiarasse falso il paesaggio dell'altro? [...] l'un paesaggio è tanto reale quanto l'altro. Ma neppure avrebbe senso se, messi d'accordo, giacchè i loro paesaggi non coincidono, li giudicassero illusori. Questo presupporrebbe l'esistenza di un terzo paesaggio autentico, non soggetto alle stesse condizioni dei primi due. Orbene, questo paesaggio archetipo non esiste né può esistere. La realtà cosmica è tale che può essere vista solo sotto una determinata prospettiva. La prospettiva è uno degli ingredienti della realtà. Lungi dall'esserne la deformazione e la sua organizzazione. Una realtà che risultasse sempre identica vista da qualche punto, è un concetto assurdo. - José Ortega y Gasset.

Parlare di città è difficile!